La polizia tedesca ha arrestato a Potsdam un cittadino britannico, dipendente dell’ambasciata britannica a Berlino, con l’accusa di spionaggio per conto della Russia. Seconda la procura tedesca l’uomo, identificato come David S., 57 anni, ha diffuso all’intelligence russa alcuni documenti riservati in cambio di denaro.

Secondo quanto si legge nella nota diffusa dal pubblico ministero tedesco, non si conosce ancora la somma che l’uomo ha ricevuto “in cambio delle informazioni fornite” a “un rappresentante del servizio segreto russo”. Gli inquirenti specificano però che il primo scambio risale a novembre 2020. L’arresto, riporta Sky News, è scattato grazie all’azione congiunta delle autorità tedesche e del servizio antiterroristico di Scotland Yard di Londra, che hanno fermato l’uomo “sulla base del sospetto di violazioni” della legge tedesca contro lo spionaggio, l'”Intelligence Agent Activity Law”. Oltre a procedere con l’arresto di David S., gli investigatori hanno perquisito anche la casa e l’ufficio del funzionario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Austria, impennata di nuovi contagi: a Lienz torna l’obbligo di mascherina Ffp2

next
Articolo Successivo

Incendi, a fuoco anche l’Algeria: almeno 65 morti e decine di roghi. Proclamati tre giorni di lutto nazionale

next