Dopo il clamore suscitato dall’annuncio del suo addio alla Rai al termine dei mondiali del Qatar, Paola Ferrari torna a parlare della sua decisione e, in un’intervista a Repubblica, chiarisce i motivi che l’hanno spinta a prenderla. “Amo il mio lavoro, lavoro da 32 anni ma c’è tanta vita fuori. Mi sono data un termine: i Mondiali del Qatar, nel 2022. Poi lascio. Largo ai giovani, veramente – dice la conduttricevolto iconico dello sport targato Rai -. Dicono che sono vecchia, anche se io mi sento una ragazza. Mi aspettano tante cose: per la pandemia non ho potuto viaggiare, che è la mia passione, poi voglio dedicarmi al mio papà, ai miei figli e al cinema con Lucisano. Ci aspettano progetti bellissimi”.

Poi Paola Ferrari spiega come, dal suo punto di vista, i suoi 60 anni siano visti in modo differente rispetto a quelli delle colleghe: “Le cose sono cambiate ma ancora oggi tanti uomini pensano che la donna debba parlare dopo. Poi siamo sempre giudicate: hai le luci sparate, non hai le luci. Io sono felice di come sono, ma viene tutto sottolineato – incalza -. Quando ho fatto la battuta sulla vecchiaia, ho pensato a tante giornaliste bravissime: Bianca Berlinguer, Lilli Gruber, Milena Gabanelli, Federica Sciarelli, che adoro. Siamo più o meno coetanee, tutte in pista. Nello sport c’è uno strascico di maschilismo, l’età è vista in modo critico”, conclude Paola Ferrari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Amare male, il servizio pubblico sentimentale di Guido Catalano: “Come si fa a fidanzarsi? Per prima cosa, poca masturbazione”

next