L’attore statunitense Jay Pickett è morto improvvisamente venerdì scorso sul set del suo nuovo film in Idaho. Aveva 60 anni ed era famoso soprattutto per aver impersonato il detective David Harper in ‘General Hospital‘ e Frank Scanlon nello spin-off ‘Port Charles’. Al momento della tragedia stava girando alcune scene del film western ‘Treasure Valley‘ e, secondo quanto è stato riferito, è “morto mentre si trovava a cavallo”. Il regista Travis Miller ha confermato la “tragedia scioccante” sulla pagina Facebook ufficiale del film spiegando: “Molti di voi hanno già sentito parlare della tragedia avvenuta due giorni fa. Jay Pickett, il nostro protagonista, autore, produttore e creatore di questo film è morto improvvisamente mentre eravamo sul set e ci preparavamo a girare una scena”, ha scritto.

Miller ha quindi aggiunto che al momento non c’è ancora “nessuna spiegazione ufficiale” per la sua morte, ma ha precisato: “Sembra che sia stato un attacco di cuore. Tutti i presenti hanno cercato con tutte le loro forze di tenerlo in vita” ma per l’attore sessantenne non c’è stato niente da fare. “I nostri cuori sono spezzati e siamo addolorati per la sua famiglia, devastata da questa sconvolgente tragedia”, ha concluso Miller.

Jay Pickett era nato a Spokane, Washington, il 10 febbraio del 1961, ed era cresciuto a Caldwell, nell’Idaho. Aveva conseguito la laurea in recitazione alla Boise State University e poi un master alla Ucla. Le sue apparizioni televisive includono la miniserie ‘Rags to Riches’ e ruoli in popolarissime serie tv come ‘Mr. Belvedere’, ‘Perry Mason’ e ‘Matlock’. Nel 2006, aveva sostituito l’attore Ted King nel ruolo di Lorenzo Alcazar nella soap opera General Hospital, la serie madre di ‘Port Charles‘ (serie di cui pure è stato protagonista dal 1997). Nel 2007 poi, era rientrato nel cast di ‘General Hospital’ nel ruolo del detective David Harper. Era uno sportivo e amava andare anche a cavallo. Jay Pickett e sua moglie, Elena, risiedevano in California. I due hanno avuto due figlie, Maegan e Michaela, e un figlio, Tyler.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinema a luci rosse, la crisi è iniziata dalle vhs. Un gestore: “La nostra non è una platea esaltata”

next
Articolo Successivo

Al cinema tornano i blockbuster Usa: ecco Suicide Squad, Fast&Furious 9, Old e Sognando a New York

next