Se c’è una cosa certa quando si parla di montagna è che non ci si improvvisa escursionisti. Soprattutto quando c’è di mezzo un ghiacciaio, con crepacci e seracchi spesso invisibili ma estremamente pericolosi e temperature rigide anche in estate. Ecco perché il Soccorso Alpino valdostano ha diffuso la foto di un escursionista sulla via normale del Breithorn, nel massiccio del Monte Rosa, a quota 4.000 metri, in pantaloncini corti ed equipaggiato in modo inadeguato per quelle altitudini. “In caso di caduta in crepaccio, a questa persona ha pochissime possibilità di sopravvivenza. Oltre alle conseguenze dovute alla caduta e allo sfregamento contro il ghiaccio, la permanenza nel crepaccio, con tale equipaggiamento, non consente la necessaria protezione dal freddo e l’ipotermia severa, che può verificarsi in tempi molto brevi, può portare alla morte”, le parole del direttore del Cnsas valdostano, Paolo Comune. “Purtroppo – aggiunge – nonostante i numerosi appelli alla prudenza, questi comportamenti sono molto frequenti. Per questo motivo torniamo a ribadire l’assoluta necessità di muoversi, in montagna, con attrezzatura e abbigliamento adeguati, con le opportune conoscenze del territorio e con la massima prudenza”. Allarmismo? No. Regole base per vivere al meglio la montagna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili