Con l’ultima impresa olimpionica di Federica Pellegrini si sono accese le luci anche sulla vita privata della campionessa. Un periodo d’oro, il suo, coronato dal settimo posto nella finale dei 200 stile libero alla sua quinta finale della sua vita ai Cinque Cerchi. La “Divina”, nel post gara dell’ultima finale della sua carriera, ha voluto uscire allo scoperto e dichiarare il suo amore a colui che ha definito “compagno di vita”. L’identikit corrisponde al suo fidanzato, e allenatore, Matteo Giunta. “Se non ci fosse stato Matteo probabilmente avrei smesso qualche anno fa”, ha confidato la campionessa al Tg1.

Parole piene d’amore, le sue. “È stato un grandissimo allenatore e un compagno di vita speciale, spero lo sarà anche in futuro. La priorità era tenere l’immagine dell’allenatore e dell’atleta separati e siamo stati bravi molto in questo. E’ stata una persona fondamentale, una delle più importanti in questo percorso sia umano che sportivo”. Ufficialmente, la storia tra Federica Pellegrini e Matteo Giunta è cominciata due anni fa, nel 2019. Sempre lontani dai pettegolezzi, il loro rapporto si è intensificato solo dopo la fine della lunga relazione tra la campionessa veneta e Filippo Magnini, durata sei anni.

Classe 1982, nato a Pesaro, Matteo Giunta è il coach di Federica Pellegrini. Così ha conosciuto la campionessa. Per loro, è stato prima un colpo di fulmine dentro la vasca. Solo dopo è nata un’intesa particolare nella vita. Con Giunta al suo fianco come allenatore, Federica ha vinto la medaglia d’oro ai Mondiali di Budapest nel 2017 e ai Mondiali di Gwangju nel 2019. Non tutti sanno, però, che Matteo Giunta è anche il cugino di Filippo Magnini.

Ora, alla soglia dei 33 anni, Federica Pellegrini è pronta a voltare pagina. C’è chi vocifera che la coppia, finite le Olimpiadi, possa convolare a nozze, ma non c’è niente di confermato. E la famiglia? “La fantasia me la sono fatta un sacco di volte di diventare mamma…”, aveva confidato qualche mese fa. Chissà…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Totti a Ventotene, l’accoglienza è da star. I tifosi lo circondano e cantano “C’è solo un capitano”

next
Articolo Successivo

Kanye West si è rinchiuso da giorni nello stadio di Atlanta: ecco perché

next