Il G20 di Napoli è in corso di svolgimento. Una cosa è certa: Roberto Cingolani, pomposamente e ipocritamente incaricato della transizione ecologica vorrebbe dar l’impressione di far gli onori di casa agli altri “capoccioni” del G20. Ma lui, sconfessato dalla Ue per aver farcito di inceneritori e di idrogeno-blu sporco, prodotto dal gas, il Pnrr e per coartare senza la necessaria partecipazione delle comunità – vedi le semplificazioni procedurali che dal 1990 e cioè dalle corrotte “colombiadi” vorrebbero accelerare senza controlli opere pubbliche quasi sempre devastanti – dei territori e delle amministrazioni locali. È senza alcuna credibilità rappresentando trivellatori e la lobby degli inceneritoristi con Chicco Testa (pentito dell’antinucleare!) a fare da consigliere speciale.

Il riscaldamento globale si combatte non solo con le energie alternative agli idrocarburi ma soprattutto riducendo sprechi e consumi e passando da un’economia lineare (prelievo di materie, manifattura di prodotti, distribuzione, consumo e smaltimento) a un’economia circolare, come indicato con forza dall’Unione europea. Zero waste è una grande opportunità per muovere dall’era dei rifiuti e dello spreco ad una nuova era delle risorse e di produzioni pulite (clean production) nel segno di una progressiva rinaturalizzazione dei cicli economico-produttivi (agricoltura e manifattura industriale).

Tutto questo diviene ancor più significativo e urgente dopo il fango che ha sommerso gran parte dell’Europa provocato dal combinato disposto di crisi climatica e di terribile cementificazione delle aste fluviali e dei territori. Cingolani non interpreta questa necessità radicale di cambio di paradigma ed incarna il “tutto continui come prima” che è “incapace di futuro”.

Infine un pensiero al Mezzogiorno d’Italia: si promuova ovunque il sistema di raccolta porta a porta degli scarti integrato con piattaforme di valorizzazione dei materiali intercettati da restituire ai suoli e all’industria (con un’attenzione particolare ai Rifiuti elettrici ed elettronici, i cosiddetti Raee) che sono l’unica grande opportunità di riscatto occupazionale e sociale di un Sud Italia vessato da semicolonialismo e dai licenziamenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ustica, la prima area marina protetta d’Europa festeggia 35 anni col festival ‘Ustica Blue Days’: “Serve un’economia sostenibile per salvarla”

next
Articolo Successivo

G20 Napoli, no accordo su riscaldamento globale e decarbonizzazione: l’ambizione di Cingolani e Kerry diventa un “vorrei ma non posso”

next