Cos’era Mazzallakkar? Un fortino arabo che proteggeva dal basso il castello di Zabut arrampicato sulla collina? Un presidio più tardo, dopo l’anno Mille, quando l’antica Sambuca era già nata, magari sorto su un’architettura preesistente? Oppure, come ipotizzano gli storici di recente, una masseria fortificata cinquecentesca che i nobili Perollo, i signori della zona, avevano costruito sullo stile dei castelli maltesi, nell’isoletta dove avevano possedimenti? Già il nome, a sentirlo pronunciare, evoca veli, spezie, mercanti, profumi, sete e incensi. Il fortino è riemerso dal lago Arancio, nel territorio di Sciacca, a causa delle scarse precipitazioni. Ora è visitabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libero De Rienzo, non solo un attore di culto generazionale ma un ‘trickster’ a tutti gli effetti

next
Articolo Successivo

Morto Graham Vick, uno dei più geniali registi d’opera lirica. Storico il suo “Stiffelio” in mezzo al pubblico al Farnese di Parma

next