L’ex presidente della Tunisia Moncef Marzouki è stato eletto presidente del Comitato internazionale per l’abolizione della pena di morte nel mondo arabo.

Si tratta di un’iniziativa importante e necessaria al tempo stesso: importante perché potrà affiancare il prezioso lavoro dei gruppi abolizionisti locali, che stanno combattendo una faticosa battaglia di minoranza; necessaria per il semplice fatto che – escludendo la Cina, di cui non si conoscono i dati, e l’Iran che stato arabo non è – da anni la maggior parte delle esecuzioni si verifica in stati quali Arabia Saudita, Egitto e Iraq.

Del Comitato fanno parte altre prestigiose personalità, tra le quali l’attivista yemenita e premio Nobel per la pace Tawakkol Karman.

Il primo appello del Comitato è stato rivolto all’Egitto, dove nell’ultimo anno e mezzo le esecuzioni sono state oltre 150.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia campione d’Europa, in Scozia si festeggia in strada con il tricolore (video)

next
Articolo Successivo

Johnson contro gli insulti razzisti in Uk verso i giocatori di colore che hanno sbagliato i rigori. “Vergognatevi”

next