Stava eseguendo delle opere di ristrutturazione di uno stabilimento balneare, quando è caduto da tre metri e mezzo di altezza. È successo a Mondello, una borgata marinara di Palermo. L’operaio, 42 anni, era al suo primo giorno di lavoro dopo un periodo di isolamento dovuto dal Covid. Trasportato con urgenza in ospedale, è morto poco dopo il ricovero.

L’incidente è avvenuto la mattina del 12 luglio, dentro lo stabilimento balneare La Sirenetta, dove stava montando una finestra. E’ stato un collega di lavoro a vedere l’operaio cadere. Ha dato subito l’allarme, ma all’arrivo dei medici del 118 il 42enne si trovava già in condizioni disperate: è deceduto poco dopo al trauma center dell’ospedale di Villa Sofia. Era originario di Belmonte Mezzagno, marito e padre di due figli.

Non sono ancora chiare le dinamiche dell’incidente. Il collega ha riferito ai soccorritori di aver visto l’uomo accasciarsi prima di cadere, ma il malore è solo una delle ipotesi che gli investigatori del commissariato di Mondello stanno vagliando. Secondo gli inquirenti potrebbe essere stata anche colpa della fretta, delle temperature elevate o del mancato uso di adeguate protezioni. Nelle prossime ore la procura, che ha aperto un fascicolo apposito, deciderà sulla base della prima relazione del medico legale se effettuare l’autopsia o riconsegnare il corpo ai familiari.

Il sostituto procuratore di turno ha disposto il sequestro dello stabilimento dove è avvenuto l’infortunio. Tutta la documentazione della ditta incaricata dei lavori è stata acquisita per verificare che tutte le norme amministrative, fiscali e in materia di sicurezza siano state rispettate. Solo pochi giorni fa, dopo anni di abbandono, era stata inaugurata la pizzeria al piano terra dell’immobile e i titolari contavano di aprire anche il primo piano entro metà luglio.

Intanto, la Fillea e la Cgil di Palermo hanno espresso solidarietà verso i famigliari e i colleghi della vittima. “Auspichiamo che l’ennesima vita spezzata sul lavoro possa scuotere le istituzioni competenti” dicono il segretario Fillea Cgil Palermo Salvatore Bono e il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo, “affinché si possa fermare quella che ormai è diventata una strage”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parità di genere, nessuna svolta dal Pnrr: per le donne solo briciole

next
Articolo Successivo

Blocco licenziamenti, Tridico (Inps): “In poco meno di un anno salvati 330mila posti di lavoro”

next