Marco Mengoni è tornato. Si chiama MA STASERA il suo nuovo singolo, disponibile ovunque da venerdì 18 giugno e con cui il cantante laziale sancisce il proprio ritorno dopo due anni dal suo ultimo progetto discografico. Un’immersione nelle sonorità della disco-funk e dell’elettronica degli anni 80 rielaborate per renderle contemporanee e portarle ai giorni d’oggi. E dal presente vuole ripartire, guardandolo con occhi fiduciosi e invitando a dare il giusto peso e valore ad ogni momento di questa socialità che piano piano stiamo riacquisendo. Il testo è stato scritto dallo stesso Mengoni insieme a Davide Petrella (musica di F.Catitti/F.Abbate/D.Petrella), con la produzione di Eric Records Italy/Sony Music Italy.

La ciliegina sulla torta è la collaborazione con Tino Piotnek, in arte Purple Disco Machine, ovvero il dj e producer multiplatino che ha scalato letteralmente le classifiche con la hit Hypnotized. Dal 21 giugno sarà inoltre disponibile anche il video ufficiale di MA STASERA, realizzato in Sardegna. E proprio con questo brano Marco Mengoni ha annunciato i suoi primi live negli stadi. Quando? Nell’estate 2022 e precisamente il 19 giugno 2022 allo Stadio San Siro di Milano e il 22 giugno 2022 allo Stadio Olimpico di Roma. L’attesa è lunga ma, come diceva Oscar Wilde, non è forse essa stessa il piacere? Per tutte le info, visita i social ufficiali di Marco Mengoni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tupac avrebbe compiuto oggi 50 anni: è ancora un’icona per i ragazzi delle carceri minorili

next
Articolo Successivo

Mahmood: “La canzone che è il nucleo del disco è ‘T’Amo’, perché oltre alle mie origini arabe volevo parlare di quelle sarde, di mia madre”

next