Alessandro Baricco è il protagonista della seconda puntata del secondo ciclo di “Vite – L’arte del possibile”, in onda su Sky TG24 giovedì 10 giugno alle 20.45 (canali 100 e 500 di Sky e canale 50 del DTT), su Sky Arte venerdì 11 giugno alle 19.15 (canale 120 di Sky) e disponibile On Demand. L’incontro con lo scrittore e fondatore della Scuola Holden, sarà l’occasione per parlare, fra l’altro, del suo lavoro, del suo rapporto con l’era digitale, i giovani (“spesso hanno ragione”) e lo sport (“non ho nostalgia di quello del passato”) passando attraverso il processo creativo della scrittura e la sua intima correlazione con la mente dell’essere umano. Partendo dalla sua ultima opera ‘Quello che stavamo cercando’, che vuole essere “una riflessione sulla pandemia”, lo scrittore e intellettuale, si chiede cioè “cosa ci sia scritto della nostra storia in questo nostro apparente destino che è molto più, contrariamente a quanto sembri, il risultato di una serie di scelte. Allora una domanda possibile è perché ci siamo ficcati in questa situazione, e in quel modo?”. Ma il risultato è comunque quello di “aver pagato un prezzo molto alto in termini di non vita”.

Ragionando, invece, sulla rivoluzione digitale Baricco la giudica “un processo di liberazione vera, che ha scardinato dei privilegi che erano secolari, ha messo in crisi il ruolo di tutti i sacerdoti e mediatori, non eliminandoli ma sottoponendoli ad un controllo molto più alto, ha moltiplicato le possibilità della gente, forse perfino troppo per cui molti di noi sono perfino storditi”. Ma ne continua comunque a vedere “benefici immani più che costi, per molti”

Curato e realizzato dal direttore di Sky TG24 Giuseppe De Bellis, “Vite– L’arte del possibile” è un ciclo di dieci interviste – quella ad Alessandro Baricco è la seconda del secondo ciclo – dedicate al successo e alla capacità di raggiungerlo. Un ritratto professionale e personale di grandi italiani che si sono distinti nel proprio campo: dall’industria al cinema, dalla scienza allo stile fino all’arte e alla letteratura, divenendo noti in tutto il mondo. Le interviste entreranno anche a far parte della syndication dell’area news del Gruppo Comcast e potranno essere trasmesse anche da NBC.

Le interviste di “Vite – L’arte del possibile” sono disponibili anche tra i podcast di Sky TG24, sul sito skytg24.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serena Bortone, Antonella Clerici e Alberto Matano: ecco perché “i conti” è meglio farli alla fine

next
Articolo Successivo

Con Alfredino Rampi inizia la tv del dolore? C’è un elemento da considerare

next