Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, intende commissariare l’Agenzia nazionale delle politiche attive per il lavoro (Anpal) guidata oggi da Mimmo Parisi, il docente all’università del Mississipi chiamato nel 2018 da Luigi di Maio a occuparsi del collocamento, che doveva essere la “seconda gamba” del reddito di cittadinanza. Il piano incentrato sull’inserimento dei navigator nei centri per l’impiego e sull’annunciata app per incrociare domanda e offerta di lavoro, però, non è mai decollato.

Già l’anno scorso Pd e Italia viva avevano chiesto le sue dimissioni, dopo il caso dei rimborsi spese da 160mila euro con giustificazioni ritenute “infondate” dalla direttrice generale dell’Agenzia (su cui ora indaga la Corte dei Conti). In seguito tutte le forze di maggioranza, compreso il Movimento 5 Stelle, avevano chiesto all’allora premier Giuseppe Conte un intervento per risolvere lo stallo che ha paralizzato le attività dell’Anpal “nel mezzo della crisi economica più grave che il Paese ricordi dal dopoguerra”, chiamando in causa anche il conflitto di interessi tra la carica che Parisi ha in Italia e il ruolo ricoperto alla Mississipi University.

Ora Orlando punterebbe ad allineare la governance di Anpal a quella delle agenzie fiscali, mettendo a capo un direttore. Intervento che dovrebbe trovare spazio nel decreto Sostegni bis atteso in consiglio dei ministri la prossima settimana. L’obiettivo, spiegano fonti di governo, è quello di riportare le funzioni di indirizzo e coordinamento al ministero del Lavoro in coerenza con la riforma delle politiche attive già in agenda e annunciata nel Piano nazionale di ripresa e resilienza. Parisi, intervistato da Repubblica, dice di “non sapere nulla” del commissariamento e parla di “una decisione politica grave“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Termini Imerese, ultima speranza per i 900 lavoratori della Blutec. Il Mise annuncia un bando per attrarre nuovi investitori

next
Articolo Successivo

Fedex-Tnt, operai protestano davanti alla Prefettura di Milano: “Fogli di via e multe per aver difeso il nostro posto di lavoro”

next