“La pandemia è stata traumatica e come per ogni trauma dovremo trovare il modo di parlarne per andare oltre. E non c’è modo migliore di farlo se non offrire una speranza di cambiamento in meglio. Credo che questo sia un momento importante per i giovani per far sentire la loro voce. La pandemia gli ha rubato oltre anno di vita e per la prima volta in una generazione molti si preoccupano che i loro figli non avranno un futuro migliore del loro. Questo dimostra che è necessaria una nuova forma di solidarietà e di giustizia sociale tra le generazioni. Credo che la Conferenza debba essere l’occasione di un dialogo tra le generazioni. La posta in gioco è la stessa del 1950, allora avendo presente la distruzione del conflitto, ma non illudiamoci, la posta in gioco è la stessa perché il cambiamento climatico può avere la stessa forza distruttrice di una guerra. Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen all’avvio della Conferenza sul futuro dell’Europa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, Breton: “La commissione Ue non ha rinnovato contratto con AstraZeneca dopo giugno. Vedremo che succede”

next
Articolo Successivo

Il discorso di Ursula von der Leyen per l’Europa che verrà: “Un mese fa sono diventata nonna”. E spiega l’insegnamento della nipotina

next