Un milione e duecentomila dollari in un mese su OnlyFans. L’ e-girl e oramai pornostar a tutti gli effetti Belle Delphine è riuscita nella sua sfida economica più ambiziosa. Lo screenshot con il compenso in cifre belle larghe e lunghe è apparso su Insider poco tempo fa. A novembre 2020 la 21enne sudafricana ha superato il milione di dollari tra follower, fan, semplici adepti. Delphine, regina degli ahegao, produttrice seriale di foto sexy e allusive, pratiche che andrebbero ascritte nel fetish come quando vendette a 30 dollari a bottiglia l’acqua della vasca dopo il bagno, ha saltato ogni intermediario possibile per raggiungere l’olimpo autarchico di Onlyfans.

Il passo tra l’osservazione passiva, leggasi influencer pepatina, e il versamento dell’obolo, deve essere stata questione di un attimo. Delphine si è infatti costruita un nutrito pubblico prima su Instagram dove nel luglio 2019 era arrivata ad oltre 4 milioni di follower, poi il primo stop. Violazione delle linee guida sulla nudità. Con quel suo oscillare continuo tra allusioni sessuali esplicite, fare giocoso, e aspetto visivo (luci, sovraimpressioni, tonalità) da anime giapponese, Delphine ha varcato spesso il limite di una scontata censura. A quel punto gioco forza è stato convogliare la masse di fan accaniti proprio su OnlyFans, il futuro del porno (e non solo) dove i singoli artisti possono coltivare in notevole autonomia dirette streaming criptatissime persino con singole persone.

Del resto il sito web Polygon aveva scovato una conversazione privata tra Delphine e un suo fan su Skype nel 2019 dove l’adoratore aveva sborsato nientemeno che 2500 dollari. “Le persone possono vedermi e vedere i miei numeri e pensare, ‘Oh, ma come sta andando bene, questo significa che posso farlo anch’io”, ha affermato Delphine in un’intervista. “Attenzione, perché per ogni ragazza di successo che vedi, ci sono migliaia di altre ragazze che lavorano duramente e non guadagnano nulla”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Andrea Vianello: “Dopo l’ictus non sapevo più come mangiare un uovo sodo”

next