Una serie di sigle della sinistra sociale di Roma (dai Movimenti per il diritto all’abitare, agli studenti di Osa, a Potere al Popolo) ha organizzato giovedì una conferenza stampa di avvicinamento alle manifestazioni del 25 Aprile a Porta San Paolo. Ospite della conferenza stampa l’attore Ascanio Celestini che ha ricordato l’attentato dei gappisti contro le truppe naziste in via Rasella del 23 marzo 1944 e la successiva rappresaglia delle Fosse Ardeatine. Nella via nel centro di Roma si vedono ancora su un palazzo i buchi delle raffiche di mitragliatore sparate dai soldati tedeschi, ma non c’è nessun tipo di targa che ricordi l’avvenimento che fu uno dei più importanti della storia della Resistenza Italiana. “Questo dimostra il complicato rapporto che ancora abbiamo con la memoria” afferma Ascanio Celestini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Iss avverte alla vigilia delle riaperture di lunedì: “Fondamentale evitare contatti fuori dai propri conviventi, il quadro è critico”

next
Articolo Successivo

AstraZeneca, Ema: “Sì ai richiami per chi ha avuto prima dose. Una trombosi ogni 100mila vaccinati, nessun dato su rischi legati al sesso”

next