Si è bendato per fare superare imbarazzi e incertezze ai suoi studenti che non si collegavano in dad. Protagonista un docente palermitano, Francesco Carnevale, che insegna in un corso di formazione professionale della Regione Siciliana per estetiste. In tempo di Covid i laboratori sono in presenza, mentre le materie letterarie sono in dad. Uno strumento che molte allieve non utilizzavano chi per vergogna nei confronti del contesto in cui vive, chi per insicurezza. Il professore di italiano, storia e geografia ha provato a far superare le incertezze delle alunne con un esperimento. Si è bendato gli occhi e ha chiesto ai ragazzi di accendere la webcam e parlare. Lui ascoltava solo le loro parole. Uno dietro l’altro appaiono i volti delle ragazze, principalmente dei quartieri Brancaccio e Sperone, che frequentano i corsi triennali di istruzione e formazione professionale finanziati dal fondo sociale europeo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ritorno a scuola per tutti, sindacati delusi dal ministero: “Dai vaccini ai tamponi, mancano le condizioni. Protocollo nemmeno aggiornato”

next
Articolo Successivo

Riaperture, Regioni contro il rientro a scuola: oggi il vertice col governo. Fontana: “Trasporti al 50% e alunni in classe al 100%, insostenibile”

next