“Quando si parla di diritti, bisogna lasciar da parte le ideologie. I diritti non sono né di destra, né di sinistra. Sinceramente il fatto che il ddl Zan sia divisivo è qualcosa che mi amareggia e che non comprendo. Pur essendo appartenente a una coalizione di centrodestra, io personalmente sono a favore del ddl Zan e ritengo che sia un provvedimento valido, che avrà sicuramente delle ripercussioni positive sulla società e sulla cultura. Dobbiamo combattere le discriminazioni e tutelare la libertà, il diritto all’uguaglianza, il diritto di amare indipendentemente dal sesso“. Così, ai microfoni di Radio Radicale, la vicepresidente di Forza Italia al Senato, Gabriella Giammanco, esprime il suo sostegno alla legge Zan contro l’omotransfobia.

E spiega: “È sicuramente un provvedimento perfettibile, che non risolverà definitivamente il problema dell’omotransfobia, ma dà un segnale importante di vicinanza delle istituzioni a una comunità di persone che ad oggi non si sente tutelata. Ed è un provvedimento doveroso, anche alla luce di tutte le notizie di violenze verbali e fisiche nei confronti di persone omosessuali. I toni violenti della discussione su questa legge? Scagliarsi contro una persona solo perché si esprime a favore del ddl Zan è abominevole. Non posso che amareggiarmi per notizie di questo genere. Per quanto riguarda Forza Italia – continua – alla Camera abbiamo lavorato per migliorare il testo del provvedimento. Abbiamo introdotto un articolo che tutela la libertà di espressione e abbiamo inserito la categoria dei disabili. All’interno del nostro partito, che è liberale, ci sono diverse anime e diverse sensibilità. Io parlo a titolo personale, non so se verrà dato un indirizzo al gruppo parlamentare o se sarà lasciata la libertà di voto. Ovviamente mi auguro di sì, perché parliamo di diritti e di temi etici”.

La senatrice puntualizza: “È certamente un errore bloccare il provvedimento, così come si sta facendo al Senato, perché diamo un alibi a chi pensa che in Parlamento non si voglia affrontare questo argomento per paura o per pregiudizio. Dobbiamo confrontarci con chi la pensa diversamente da noi e bisogna avere il senso delle istituzioni, magari calendarizzando le proposte che ci sembrano scomode. Il Parlamento serve a questo: confrontarci, dibattere e decidere sul da farsi. È inutile quindi fare melina. Affrontiamo a viso aperto la questione, che non deve essere un tabù. Miglioriamo questa legge, ma non ostacoliamola – conclude – Domani ci sarà la seduta dell’Ufficio di presidenza della Commissione Giustizia al Senato. Spero che non ci sia nessuna strumentalizzazione sul ddl Zan e che non si usi questa occasione per ottenere consenso elettorale. La legge va calendarizzata anche per senso delle istituzioni. Mi auguro che la questione venga affrontata con buon senso, con senso di responsabilità collettiva e soprattutto con serenità. Un disegno di legge di questo tipo non va assolutamente censurato, ma va lasciato al dibattito parlamentare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo, Crimi: “Vicini al suo dramma, no ai sensazionalismi”. Boschi: “Video maschilista”. Pd: “Non si trasformi la vittima in colpevole”

next
Articolo Successivo

Bologna, la renziana Conti si candida alle primarie da indipendente: “Progetto senza bandiere, né simboli. Centrosinistra casa mia”

next