Il prossimo iPhone SE potrebbe essere molto simile, se non del tutto uguale, al modello che attualmente è sul mercato. E questo vuol dire ampie cornici, tasto Home con integrato Touch ID e un design stile iPhone 8. Invece iPhone 14 e 14 Pro potrebbero ridurre le dimensioni del notch ma al contempo continuare ad utilizzare il Face ID. E poi c’è iPhone SE del 2023 che non avrà nè uno né l’altro ma probabilmente integrerà un display forato, come molti produttori scelgono di fare per i propri smartphone Android.

Le informazioni provengono da Ross Young che su Twitter riporta che il prossimo iPhone SE avrà la stessa dimensione del display di quello attuale (4,7 pollici) e aggiungerà un modem 5G. Inoltre afferma che potrebbe anche esserci un ulteriore iPhone SE con display da 6.1 pollici. Ma è con iPhone SE del 2023 che le cose cambieranno con un aggiornamento da parte di Apple di design e componentistica.

Ciò che riporta il leaker è da prendere in considerazione per via del suo score dall’alto tasso di successo. Le indiscrezioni che riporta provengono spesso dalle catene di approvvigionamento di componenti e queste aziende vengono informate molto prima per organizzare tutta la macchina della produzione.

Con una fotocamera all’interno di un foro, Apple potrebbe inseguire il design che i concorrenti Android usano già da parecchio tempo, Samsung compresa con un aspetto ripreso da tantissimi suoi modelli infinity-O.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corsair Sabre RGB Pro, recensione. Gaming mouse estremo a un prezzo abbordabile

next
Articolo Successivo

Nokia: HMD Global inizia il rinnovo della sua gamma di smartphone con 6 nuovi modelli

next