Cristiano Malgioglio ospite a Domenica In nella puntata di Pasqua del 4 aprile si è raccontato, confessando anche i momenti più dolorosi e drammatici della sua vita, come il periodo in cui ha dovuto affrontare un melanoma.

Il cantante e paroliere ha raccontato della scoperta del male e poi di come è riuscito a sconfiggerlo affidandosi totalmente ai medici. Malgioglio ha detto di sentirsi un miracolato: “Non ho fatto chemio – ha spiegato – sono stato preso in tempo. Se avete dei nei fatevi controllare, non si scherza”. Il periodo però non è stato semplice: il cantante ha raccontato di aver scoperto, nel periodo di malattia, la fede e, appunto, di essersi affidato ai medici. Un periodo lungo e difficile nel quale non è stato facile neanche godersi totalmente i successi lavorativi, come il brano “Mi sono innamorato di tuo marito”, uscito proprio nel periodo della malattia.

Mara Venier, padrona di casa, ha voluto anche fare una sorpresa a Malgioglio facendogli arrivare una cartolina direttamente dalla Turchia: a scriverla il compagno del cantante. I due non si vedono da un anno a causa della pandemia. “Non vedo l’ora rivedere il tramonto sul Bosforo insieme a te. Ti aspetto”, ha scritto il compagno, facendo sciogliere Malgioglio in un fiume di lacrime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Denise Pipitone, martedì l’esito del test del gruppo sanguigno di Olesya Rostova in diretta. Il legale di Piera Maggio interrogherà la ragazza russa

next
Articolo Successivo

Vittoria Puccini rivela: “Anche io vittima di catcalling. Da ragazzina gli uomini mi fischiavano dall’auto, è una molestia”

next