Il certificato verde digitale, o vaccinale, è uno “strumento utile” per consentire di riaprire “in sicurezza” le attività economiche, cosa ci cui c’è un gran “bisogno”, perché consentirà a chi lo esibisce di dimostrare di non essere “pericoloso” per il prossimo. Lo ha detto il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, in conferenza stampa dopo essere intervenuto nel Consiglio Europeo in videoconferenza. Il Parlamento Europeo, afferma Sassoli, “ha votato poco fa la procedura d’urgenza” per il certificato verde vaccinale, o digitale. “Nel passato Consiglio Europeo sono stato io a proporlo, nel discorso di apertura”. “E molto importante – continua – è uno strumento utile e non discriminatorio. Chi non si vaccinerà dovrà rispettare le procedure delle autorità sanitarie nazionali, mentre chi si vaccina ha la possibilità di dimostrare che è meno pericoloso per gli altri”. Sassoli ha poi ribadito la necessità di applicare principi di “proporzionalità e reciprocità” nelle esportazioni dei vaccini. “Non possiamo permetterci di sprecare nemmeno un vaccino. O di trasferire vaccini in Paesi che non ne hanno bisogno o che ne hanno bisogno per fare business”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Negli Stati Uniti le richieste di sussidi di disoccupazione calano ai minimi dallo scoppio della pandemia: sotto quota 1 milione

next
Articolo Successivo

Olanda, allarme bomba rientrato al Parlamento dell’Aia: revocata la chiusura del palazzo

next