“Ho fatto quello che si poteva fare”. Federico Fashion Style si difende così dagli attacchi di Vladimir Luxuria nell’ultima puntata Live – Non è la d’Urso andata in onda domenica 21 marzo. Nel mirino è finito infatti il recente viaggio di lavoro del parrucchiere dei vip in Sardegna, regione che fino a poche ore fa era in fascia bianca, con i locali e ristoranti aperti anche la sera. “Non è che fanno una regione bianca per fare in modo che una persona che non può cenare alle otto di sera, nel Lazio, si fa il tampone e va a cenare in Sardegna. Fare queste cose significa prendere in giro chi non può avere questo privilegio”, ha incalzato Luxuria.

Non ho fatto nulla di male perché ho lavorato tutta la giornata e ho rispettato le regole”, ha replicato Federico Lauri sottolineando: “Sono andato a cena con altre persone ma i ristoranti erano pieni, che ho fatto di male?”. “È un comportamento odioso. Ci vuole rispetto. Fare queste cose significa prendere in giro chi non può avere questo privilegio. Vogliamo capire che c’è tensione sociale?”, ha rilanciato Luxuria spiegando come il punto non fosse la semplice cena al ristorante di Federico Fashion Style. Ma l’influencer ha insistito imperterrito: “Non capisco l’accanimento di Vladi perché sono andato a cena fuori in zona bianca come si fa quando si è in zona bianca”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matilda De Angelis a Domenica In “corregge” l’inglese di Mara Venier e scatena le risate. Poi la battuta della conduttrice: “Ma dove le hai messe?”

next
Articolo Successivo

Nomine Rai, Mario Draghi e il servizio pubblico che verrà: toto-nomi e nuovi equilibri

next