Proseguono le udienze del maxi-processo “Rinascita-Scott” contro la cosca Mancuso di Vibo Valentia e contro i colletti bianchi. E proseguono pure le dichiarazioni di ricusazione dei giudici. Questa volta sono stati gli avvocati Nunzio Raimondi e Piero Chiodo, difensori dell’imputato Francesco Stilo (anche lui avvocato), accusato di essere contiguo alla ‘ndrangheta. La ricusazione è stata formulata nei confronti di due dei tre componenti del collegio.

In sostanza i due legali sostengono che la presidente Brigida Cavasino e il giudice a latere Gilda Danila Romano hanno già valutato alcuni fatti e fonti di prova confluiti poi nel processo “Rinascita-Scott” e implicanti la responsabilità del loro assistito Francesco Stilo. La ricusazione è stata anticipata nei giorni scorsi e formalizzata stamattina poco prima della deposizione del collaboratore di giustizia Raffaele Moscato. Il 5 marzo, infatti, sono state depositate le motivazioni del processo “Nemea” dalle quali, per gli avvocati Chiodo e Raimondi, si desume che i due giudici in quel processo hanno già deliberato sull’attendibilità di collaboratori di giustizia sui medesimi fatti per i quali dovrà essere giudicato l’avvocato Stilo in “Rinascita-Scott”.

Secondo i due avvocati, in sostanza, la presidente Cavasino e la giudice a latere Romano potrebbero essere condizionate dalle loro precedenti valutazioni. Prendendo spunto dalle motivazioni della sentenza “Nemea”, gli avvocati Chiodo e Raimondi – si legge in una nota – “hanno proceduto ad una minuziosa ricostruzione dei fatti dei due processi, dimostrando mediante numerosi e specifici documenti, le pregresse valutazioni compiute dalle due giudici, già componenti del Tribunale che ha emesso la sentenza nel processo denominato “Nemea” di cui oggi, però, si conoscono le motivazioni; un processo, sostengono i legali, che deriva, per separazione, dall’indagine Rinascita-Scott”.

Per l’avvocato Raimondi, che oltre a essere difensore di Stilo è professore universitario a contratto di ‘Genesi e dinamiche delle organizzazioni criminali’, “si tratta di una forma di tutela della giurisdizione in relazione al diritto fondamentale dell’individuo di essere giudicato da un magistrato effettivamente terzo e libero da quella che Carnelutti, già nel 1946, definiva la forza della prevenzione”. Sulla ricusazione dei due giudici adesso dovrà decidere la Corte d’Appello di Catanzaro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Processo alla ‘ndrangheta”, anche il sistema Catanzaro sotto inchiesta. L’anticipazione di PresaDiretta sul caso del giudice Marco Petrini

next
Articolo Successivo

Il nuovo comandante dei carabinieri accolto da sette colpi di pistola. Io la chiamo ‘ndrangheta

next