Un’opera d’arte che porta i tratti distintivi del celebre e misterioso street artist Banksy è apparsa su un muro della prigione di Reading durante la notte. Lo riferisce il sito della Bbc spiegando che l’immagine mostra un prigioniero – forse somigliante a Oscar Wilde – che fugge grazie a una corda fatta di lenzuola legate a una macchina da scrivere. L’anonimo artista non ha ancora rivendicato il lavoro ma un esperto ha detto che “sembra proprio essere una nuova opera di Banksy”.

La prigione di Reading ha ospitato Wilde tra il 1895 e il 1897 e fu immortalata dalla sua poesia ‘La ballata del carcere di Reading‘, scritta subito dopo la sua scarcerazione e pubblicata nel 1898. Nell’opera Wilde, condannato per omosessualità a causa della sua relazione con Lord Alfred Douglas, riflette sulla brutalità del sistema penale vittoriano.

Abbandonata dal 2013, è stata messa in vendita dal governo inglese nel 2019. Tuttavia, un accordo per vendere l’edificio di interesse storico-culturale è fallito l’anno scorso, ma c’è un progetto per trasformarlo in un complesso artistico, sostenuto dai divi hollywoodiani Sir Kenneth Branagh, Natalie Dormer e Dame Judi Dench. Secondo Vince John, curatore della galleria 1loveart di Bristol, che vende arte urbana e di strada, l’opera è un “esempio del lavoro di strada di Banksy al suo meglio, essendo sia umoristico che politicamente toccante”, e potrebbe essere un “cenno di incoraggiamento per trasformare l’edificio in centro culturale e artistico”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tommaso Zorzi show dopo la vittoria al Grande Fratello Vip: alla festa si presenta così

next
Articolo Successivo

Sanremo 2021, il video del balletto dei Maneskin nella camera d’albergo apprezzato dai fan

next