La campagna vaccinale in Italia e in Europa potrebbe subire un’accelerazione dopo l’accordo tra due case farmaceutiche. Sanofi – il marchio francese che ha dovuto ritardare la messa a punto del proprio vaccino – produrrà in Francia il prodotto della concorrente americana Janssen (Johnson&Johnson), così come ha già annunciato di fare per quello di Pfizer-BioNTech. In un comunicato, l’azienda farmaceutica francese annuncia che si incaricherà della formulazione e del riempimento dei flaconi nel suo sito di Marcy-l’Etoile, vicino a Lione, “a partire dal terzo trimestre” del 2021 e “a un ritmo di circa 12 milioni di dosi al mese”. Sanofi ha già annunciato nelle scorse settimane che produrrà nella sua fabbrica in Germania, a Francoforte, oltre 125 milioni di dosi del vaccino a RNA messaggero di Pfizer-BioNTech. “Dobbiamo accelerare insieme la produzione di vaccini attraverso partenariati industriali – scrive su Twitter il presidente francese, Emmanuel Macron – Pur proseguendo la sua ricerca, Sanofi si farà carico di diverse tappe di fabbricazione del vaccino di Johnson & Johnson per rispondere rapidamente alla domanda europea e mondiale”, prosegue il presidente.

Intanto sono partiti i nuovi test clinici di fase 2 per il candidato vaccino anti-Covid, a base di proteine ricombinanti adiuvate, targato Sanofi-Gsk. Lo studio, condotto su 720 volontari over 18, è mirato a selezionare la dose di antigeni più appropriata per ottenere una risposta immunitaria ottimale, in particolare negli anziani. Se i risultati saranno positivi, la fase 3 dovrebbe iniziare nel secondo trimestre 2021 e la disponibilità del vaccino è prevista nel quarto trimestre 2021. Al contempo – riferiscono i due gruppi in una nota – sono in corso ricerche parallele su nuove varianti di Sars-CoV-2. Lo scorso dicembre le aziende avevano annunciato un ritardo nella sperimentazione del vaccino, proprio perché era emersa una risposta immunitaria insufficiente negli anziani.

“Nelle ultime settimane, i nostri team hanno lavorato per perfezionare la formulazione di antigeni per il nostro vaccino proteico ricombinante, sulla base delle evidenze emerse dal nostro studio iniziale di fase 1/2″, ha affermato Thomas Triomphe, vicepresidente esecutivo e capo di Sanofi Pasteur. “Siamo fiduciosi nel forte potenziale del nostro candidato vaccino e gli ultimi dati preclinici che abbiamo ottenuto sono molto incoraggianti. Questo nuovo studio di fase 2 ci permetterà di identificare la formulazione definitiva del vaccino per adulti di tutte le età. Ci impegniamo a mobilitare i nostri sforzi e le nostre capacità nella lotta globale contro questa pandemia – ha aggiunto – e questo nuovo studio rappresenta un ulteriore passo verso il raggiungimento del nostro obiettivo principale: sviluppare un vaccino contro Covid-19 con un buon profilo di tolleranza ed efficacia”. “Siamo molto felici di lanciare questo nuovo studio di fase 2. Il mondo ha bisogno di più vaccini e siamo fiduciosi che la combinazione del nostro consolidato adiuvante per l’uso pandemico con questa formulazione ottimizzata di antigeni avrà un impatto significativo sulla pandemia e sul suo decorso. Non vediamo l’ora di avviare la fase 3, prevista per il secondo trimestre 2021, se i risultati di fase 2 avranno successo”, ha dichiarato Roger Connor, presidente di Gsk Vaccines.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, traffico in Borsa. Gavio lancia Opa su 47% di Astm che non possiede. Oggi Cdp esamina nuova offerta per Aspi

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, il ministro Giorgetti convoca Farmindustria. Allo studio la lista di aziende che hanno le macchine per la produzione

next