Sono 9.630 i nuovi casi di infezione da Sars-Cov-2 rintracciati in Italia nelle ultime 24 ore a fronte di 170.672 tamponi processati, compresi i test antigenici rapidi. I morti sono 274. Se, come ogni lunedì, i numeri assoluti tendono a scendere, si registra un nuovo aumento dell’incidenza, ora pari al 5,6%, con quella dei molecolari che schizza al 10,5. In salita anche i ricoverati con sintomi (+351) e i pazienti assistiti in terapia intensiva (+24 rispetto a domenica) a fronte di 162 ingressi.

Per avere un termine di paragone: lo scorso lunedì si registrarono 7.351 casi con il 9,2% di incidenza dei tamponi molecolari, +66 ricoverati con sintomi e 122 ingressi in terapia intensiva. Si tratta del peggior inizio di settimana nell’ultimo mese. Dal 21 febbraio 2020, sono 2.818.863 i casi accertati di infezione in Italia. In 2.334.968 sono guariti o sono stati dimessi (+10.335) mentre 95.992 sono deceduti per Covid-19. Gli attualmente positivi sono 387.903, di cui 367.630 si trovano in isolamento domiciliare. In 18.155 sono attualmente ricoverati nei reparti Covid e altri 2.118 si trovano in terapia intensiva.

La regione che fa registrare il maggior incremento è l’Emilia-Romagna, dove sono stati rintracciati 1.847 nuovi casi. In Lombardia sono 1.491 – di cui 509 in provincia di Milano e 427 nel Bresciano – e in Campania 1.202. La Toscana segnala 911 contagiati, il Lazio 854, il Piemonte 639 e il Veneto 509. Sotto i cinquecento nuovi positivi tutte le altre regioni, con la Sicilia che si ferma a 412, l’Abruzzo a 351 e la Puglia a 343. Meno di 200 in tutte le altre aree del Paese: sono 183 in Provincia di Bolzano, 145 in Friuli-Venezia Giulia, 136 in Liguria, 118 in Calabria, 97 in Umbria, 83 in Molise, 77 in Sardegna, 60 in Provincia di Trento, 41 in Basilicata e 14 in Valle d’Aosta.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Galli: “Sono stato tentato di fare il mio personalissimo lockdown e rimanere in silenzio per 2-3 settimane”

next
Articolo Successivo

Frana sotto il cimitero di Camogli: 200 bare finiscono in mare. Il momento del crollo – Video

next