È riuscito a far arrivare in Libia anche alcuni aerei da guerra, tutto in violazione dell’embargo Onu sulle armi. È quanto emerge da un rapporto confidenziale delle Nazioni Unite, secondo cui Erik Prince, tra i principali sostenitori ed alleati dell’ex presidente Donald Trump e fondatore della società di contractor Blackwater, propose un’operazione militare per aiutare il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica che nell’aprile del 2019 aveva lanciato un’offensiva per la conquista di Tripoli.

Il rapporto è stato presentato giovedì al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Nell’ambito della cosiddetta “Operation Opus”, Prince offrì ad Haftar aerei da ricognizione e imbarcazioni, oltre a un piano per rapire e uccidere ‘nemici’ di alto profilo. Il fondatore della Blackwater è il fratello dell’ex segretaria all’Educazione dell’amministrazione Trump, Betsy DeVos

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Texas travolto dal gelo: Biden dichiara lo stato di calamità. I limiti dell’individualismo dietro al disastro

next
Articolo Successivo

Colpo di Stato in Birmania, Facebook chiude la pagina dell’esercito. “Ha incitato alla violenza”

next