La situazione resta grave in Texas, travolto da un’ondata di gelo che ha provocato blackout per milioni di utenze elettriche ed ora 13 milioni di texani senza acqua potabile. Il presidente Usa Joe Biden ha quindi dichiarato lo stato di calamità, in modo che Austin possa accedere alle risorse federali. La Casa Bianca, si legge in un comunicato, “ha ordinato che venga fornita assistenza federale agli sforzi delle amministrazioni statale e locale nelle aree colpire dalle tempeste invernali. L’assistenza – continua l’amministrazione Usa – potrà comprendere fondi per abitazioni temporanee e ristrutturazioni, prestiti agevolati per coprire la perdita di proprietà non assicurare ed altri programmi per aiutare gli individui e le imprese a riprendersi dopo gli effetti del disastro”.

Biden, che intende recarsi in Texas nei prossimi giorni, è in contatto con i sindaci delle principali città, come Dallas, Austin e Houston per assicurarsi che abbiano accesso alle risorse federali, fanno sapere ancora dalla Casa Bianca. Il disastro di questi giorni è la prova dei limiti della politica dell’autosufficienza e dell’individualismo attuata dallo Stato a guida repubblicana che ha eliminato il controllo federale operando una propria rete elettrica, considerata una delle principali cause del fatto che da giorni milioni di texani sono senza elettricità. Negli altri stati, anche duramente colpiti dall’ondata di maltempo e gelo, i blackout sono stati molto più contenuti.

Intanto, sul fronte politico, lo scandalo che ha travolto Ted Cruz, senatore repubblicano volato a Cancun proprio mentre lo stato che lo ha eletto veniva travolto dal freddo, rilancia l’immagine di Beto O’Rourke, che ha organizzato un piccolo esercito di volontari per aiutare gli anziani nello stato isolati, senza riscaldamento e senza acqua potabile. “La capitale energetica del Nord America non può fornire energia sufficiente le case dei suoi residenti. È un fallimento e la colpa non è del disastro naturale, ma ricade su chi è stato investito dalla fiducia pubblica e ha fallito”, ha detto O’Rourke, ex candidato alla Casa Bianca nel 2020 ed ex sfidante di Ted Cruz per il Senato nel 2018. O’Rourke perse di soli tre punti percentuali contro Cruz, di cui ora molti chiedono le dimissioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Russia, primi casi di infezione di influenza aviaria H5N8 nell’uomo: registrati 7 contagi

next
Articolo Successivo

Libia, “alleato di Trump e fondatore di Blackwater ha violato l’embargo Onu sulle armi”

next