Martina Facchini e Ylenia Demeo hanno rispettivamente 20 e 22 anni e hanno denunciato Alberto Genovese. Le ragazze hanno deciso di mostrarsi e di parlare con la rivista Men On Wheels, in un servizio dal titolo “Può succedere anche a te”. Martina ha subito due stupri, a Milano e a Ibiza: “Tutti sapevano che accadeva, ma tutti lo temevano perché era potente e offriva tutto a tutti”. Loro, quando hanno saputo quello che era successo a entrambe, si sono avvicinate e hanno deciso di proteggersi a vicenda. E di uscire allo scoperto, rappresentate dall’avvocato Ivano Chiesa, per rispondere a chi le ha indicate come escort: “Non ho mai preso soldi da nessuno. Anzi, la mia agenzia – dice Ylenia – ha perso fiducia in me perché quando stavo con lui non rispondevo. Davo retta a lui che mi diceva che la donna non deve andare all’università e non deve lavorare”. Continua Martina: “Faceva certi discorsi, che la donna è stupida e anche se è intelligente non si deve applicare e non deve lavorare. Mi diceva: ‘Tu a 24 anni ti trovi uno che ti mantiene, a 27 fai una famiglia, così hai il futuro garantito, perché una donna a 27 anni è da buttare‘”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Non se la sente di parlare in televisione”: il fratello di Dayane Mello non si presenta a Live non è la D’Urso

next
Articolo Successivo

Super Bowl 2021, la prima volta di Bruce Springsteen in una pubblicità: lo spot è un inno all’unità dell’America

next