“Aiuto, papà sta picchiando la mamma”. Queste le parole pronunciate al telefono da un bambino di 10 anni di Zafferana Etnea, in provincia di Catania, hanno permesso ai Carabinieri a intervenire in tempo. Quella chiamata al 112, effettuata intorno alla mezzanotte di sabato 31 gennaio, ha salvato la donna da conseguenze ben peggiori dovute alle botte del marito ubriaco.

L’uomo, 38 anni, ha lasciato l’abitazione prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. I Carabinieri, intervenuti immediatamente sul posto, hanno trovato la vittima delle percosse insieme al bambino. Sul pavimento sono stati ritrovati frammenti di vetro. All’arrivo del 118, la donna 45enne presentava ecchimosi sul volto e tumefazioni al torace e alla clavicola destra.

L’uomo, rintracciato ancora ubriaco nelle vicinanze, è stato arrestato e si trova attualmente agli arresti domiciliari in un’abitazione diversa da quella familiare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il piano “lumaca” della Lombardia per il vaccino agli over 80: sarà l’ultima Regione a partire. Pd-M5s: “Non c’è programmazione”

next
Articolo Successivo

Tassista spara in aria poi punta la pistola contro padre e figlia su un balcone, ma l’arma si inceppa: arrestato dalla polizia

next