Due colpi in aria, poi ha mirato verso un balcone dove si trovavano un padre e una figlia di 6 anni. Ma l’arma da fuoco, grazie al cielo, si è inceppata. E’ successo a Roma, in zona Cinquina, nel pomeriggio di lunedì: il protagonista del gesto è un tassista che è stato arrestato dalla polizia. La storia è stata raccontata dal Messaggero. All’arrivo delle volanti l’uomo ha opposto resistenza e ha tentato di sparare anche contro gli agenti, ma fortunatamente anche in questo caso la pistola, una calibro 9 semi automatica, non ha funzionato. I poliziotti alla fine sono riusciti a disarmarlo e a immobilizzarlo.

Il tassista ora dovrà rispondere di tentato omicidio: è piantonato all’ospedale Sant’Andrea, dov’è stato ricoverato in codice rosso per aver abusato di alcol e psicofarmaci (che la polizia ha ritrovato nella sua auto di servizio). Nessun’altra persona è rimasta ferita, anche se parecchi abitanti della zona si sono spaventati chiamando il 112. Sono in corso accertamenti per ricostruire l’accaduto e cercare di capire i motivi del gesto e per verificare se la licenza taxi in possesso dell’uomo sia ancora valida.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Aiuto, papà sta picchiando la mamma”. Bambino di 10 anni telefona ai carabinieri e lo fa arrestare

next
Articolo Successivo

Angelo Vassallo riuscì a smentire i luoghi comuni del Sud: un modello di bella politica

next