Il 1 febbraio 2013 Nazma Khan, statunitense originaria del Bangladesh, lanciava il World Hijab Day, iniziativa dai tratti ambigui supportata dalle frange più tradizionaliste delle comunità islamiche, nella quale si afferma una sorta di orgoglio dell’indossare il velo o le altre più pesanti coperture del corpo delle donne nel nome della libertà religiosa, un messaggio rivolto in particolare ai paesi europei, come la Francia, che non adottano politiche multiculturali, diffuse invece in Gran Bretagna e Germania.

In occasione dell’istituzione della giornata Ali Khamenei, una delle massime cariche politiche iraniane aveva scritto su Twitter: “Nella logica islamica il ruolo della donna è inserito in una cornice precisa. Una donna islamica è colei che è guidata dalla fede e dalla castità. Mentre oggi c’è un quadro deviante, un modello di donna che è offerto dall’Occidente. Promuovendo un codice di abbigliamento modesto (l’hijab) – ha continuato l’Ayatollah – l’Islam ha bloccato la tendenza che vuole portare le donne a quello stile di vita deviante. Hijab significa immunità, non restrizione”.

Un’affermazione che dovrebbe far riflettere chi, magari con intenti antirazzisti, si applica a minimizzare la portata simbolica politica dell’uso del velo.

Da quell’anno la risposta del mondo laico e femminista è stata esplicita; nel 2013 l’attivista di origine iraniana, scrittrice, studiosa e animatrice della Secular Conference Maryam Namazie avviò la campagna Secularism is my right: freedom is my culture, a supporto della totale separazione tra Stato e fede religiosa, che resta il grande problema dei paesi a maggioranza islamica. Inna Shevchenko e Pauline Hillier nel libro Anatomia dell’oppressione analizzano il fondamentalismo religioso sottolineando come tutte le religioni rivelate usino il corpo delle donne come indicatore della loro visione relazionale tra i generi, sancendo e istituzionalizzando la disparità di potere proprio attraverso il dress code nello spazio pubblico, a partire dai capelli.

“È la testa delle donne che riceve il primo forte schiaffo. Da sola essa condensa una quantità di regole e morali ingiuste e assurde, dettate unicamente dal cristianesimo, dall’ebraismo e dall’Islam. Per controllare la testa delle donne le religioni non trascurano nessun aspetto: se nei loro occhi brilla l’intelligenza esigono che li abbassino, se nei loro sorrisi si leggono la gioia e la soddisfazione loro le reprimono, se fra i loro capelli soffia il vento della libertà e dell’indipendenza li devono nascondere, se nei loro cervelli si formano pensieri loro li formattano, se la loro bocca esprime la loro opinione loro la imbavagliano e se le loro orecchie registrano il sapere, loro le tappano. La testa delle donne viene passata al setaccio dall’esterno all’interno”.

La forza delle campagne laiche delle attiviste femministe avrà nel 2021 un elemento nuovo, il film Women Leaving Islam, lungometraggio prodotto dal CEMB, definito dalle autrici “a challenge to#WorldHijabDay and religious modesty as rules”, una sfida alla giornata del velo e alle regole religiose sulla modestia femminile. Women Leaving Islam sarà visibile alle 18 del 1 febbraio su questo canale Youtube.

Nel film sono sei le voci e i volti delle donne che raccontano il loro percorso di abbandono dell’Islam nei loro rispettivi paesi d’origine, e la violenza subìta per avere infranto le regole imposte dalla religione, ribellione costata loro perdite, discredito sociale, posizione lavorativa, reputazione e qualche volta anche la custodia di figli e figlie.

Nonostante il rischio che hanno corso e che corrono nell’esporsi al racconto di critica ed esercizio di laicità e libero pensiero le sei protagoniste, Fauzia Ilyas, Fay Rahman, Halima Salat, Mimzy Vidz, Rana Ahmad e Zara Kay non raccontano solo di fatica, oltraggio e minacce ma anche di speranza, gioia e libertà, e di quanto abbiano guadagnato, nonostante le perdite e i sacrifici, nell’essere libere di esprimere il proprio pensiero critico nei confronti delle imposizione religiose islamiche, che proprio sul corpo delle donne basano il grande potere e controllo sociale e politico.

L’evento cinematografico del 1 febbraio, che le attiviste invitano a supportare con l’uso degli hashtags #WomenLeavingIslam #FromHijabToFreedom #NoForcedHijab #NoHijabDay #FreeFromHijab ‘to challenge religious misogyny’, come sfida alla misoginia religiosa sarà preceduto dalla discussione on line il 29 gennaio alle 17, Hijab is sexist and misogynist con le attiviste Farideh Arman, Jenny Wenhammar, Lilith Khanoum, Maryam Namazie, Mina Ahadi, Rana Ahmad and Shahad.

L’artista Victoria Gugenheim, più volte invitata alla Secular Conference ha lanciato un video nel quale spiega come partecipare simbolicamente all’evento social dipingendo sul corpo una colomba che tiene nel becco un hijab.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polonia, le voci delle donne in piazza contro la legge che vieta l’aborto: così la loro lotta è diventata simbolo di libertà

next
Articolo Successivo

Rsa fuori controllo, l’inchiesta di Rainews24: “In Lombardia stop ai medici del lavoro nelle case per anziani a marzo e aprile 2020”

next