“Il ministro della Cultura dovrebbe stare dalla parte di chi fa musica, la sua decisione va contro”. All’indomani dell'”esplosione” del caso Sanremo, Enrico Ruggeri prende posizione e critica il veto messo dal ministro Dario Franceschini alla presenza del pubblico all’Ariston per il Festival, cosa che ha scatenato la dura reazione di Amadeus e Fiorello, pronti a lasciare i loro incarichi. Ruggeri, che nella sua carriera ha vinto il Festival di Sanremo due volte, ha spiegato al Corriere della Sera che “i teatri hanno già dimostrato di saper rispettare i protocolli quindi dovrebbero tornare a lavorare. Fino a che non riparte la musica, termometro della società, non riparte nulla. La fine della pandemia lo decide la gente quando torna a vivere come accadde, lo dicono i sociologi, con la peste di Milano. La gara va fatta in ogni caso. Sarebbe il minore dei mali. A Sanremo non vai per incontrare il pubblico dell’Ariston, ma per promuovere la tua musica. Dovremmo farlo, beninteso con mascherine e igienizzante”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Storie e racconti universali per capire chi sono i ventenni di oggi: “Solo un serio dialogo tra generazioni può salvare la nostra società”

next
Articolo Successivo

Botticelli da record: un suo ritratto venduto all’asta per oltre 92 milioni

next