Credo nella giustizia e in Cristo. Sono sicuro che ne uscirò presto”. Così il segretario dimissionario dell’Udc, Lorenzo Cesa, accusato di associazione a delinquere aggravata dalle modalità mafiose nell’inchiesta della Dda di Catanzaro sulle cosche della ‘ndrangheta, che ai giornalisti ha mostrato il rosario che porta con sé.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cesa indagato, senza di lui l’Udc si sfila dai costruttori? Tutti i no dell’ex segretario a Conte: ‘Non faremo da stampella. Stiamo nel centrodestra’

next
Articolo Successivo

Conte assegna la delega ai Servizi: scelto Pietro Benassi, ex ambasciatore a Berlino e consigliere del premier – il profilo

next