Credo nella giustizia e in Cristo. Sono sicuro che ne uscirò presto”. Così il segretario dimissionario dell’Udc, Lorenzo Cesa, accusato di associazione a delinquere aggravata dalle modalità mafiose nell’inchiesta della Dda di Catanzaro sulle cosche della ‘ndrangheta, che ai giornalisti ha mostrato il rosario che porta con sé.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cesa indagato, senza di lui l’Udc si sfila dai costruttori? Tutti i no dell’ex segretario a Conte: ‘Non faremo da stampella. Stiamo nel centrodestra’

next
Articolo Successivo

Conte assegna la delega ai Servizi: scelto Pietro Benassi, ex ambasciatore a Berlino e consigliere del premier – il profilo

next