Negava la pandemia di Covid, tanto da partecipare a una festa con decine di altre persone, ovviamente senza mascherina. “Serata di assembramento di successo. Quella festa era finita e me ne sono andato quasi alle 8 del mattino”, aveva raccontato ai suoi fan sui social, chiedendo loro di indicarle un’altra festa a cui partecipare. Peccato però che pochi giorni dopo sia stata ricoverata in gravi condizioni in ospedale, proprio dopo esser risultata positiva al coronavirus. È quanto successo all’influencer brasiliana Ygona Moura, finita ora nel mirino delle polemiche dal momento che il Paese è in piena emergenza, con le bombole d’ossigeno che scarseggiano e il rischio di una nuova variante del virus altamente contagiosa.

La donna è stata trasportata d’urgenza in un ospedale di Glória, nella zona sud di Rio de Janeiro, tra le più colpite dal virus, con tosse e difficoltà respiratore. Solo quando si è trovata a lottare in prima persona contro il virus ha cambiato idea sulla pandemia, rendendosi conto che non solo esiste ed è reale, ma è anche un terribile nemico contro cui lottare. “Sono in cattive condizioni, gente! Mi manca il respiro. Mi sento davvero male – ha scritto Ygona Moura sui social, mostrando gli effetti del Covid sul suo corpo -. Vi chiedo di pregare molto per me. Dal nulla ho iniziato a stare molto male. Ecco! Grazie a chi è con me”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Impicca i figli di 8 e 4 anni e abusa del cane di famiglia. L’orrore scoperto dagli inquirenti

next
Articolo Successivo

Candela alla vagina di Gwyneth Paltrow esplode in casa: “Un inferno, fiamme ovunque”

next