“Ciao devo dirvi una cosa.. Sto per affrontare un’operazione un po’ complicata per cercare di risolvere un problemino che mi insegue ormai da tanti anni: il mio cuore , ironia della sorte, non va a tempo per colpa di una delle valvole principali al suo interno che è malata, e non funziona bene”. Esordisce così Gabry Ponte in un post pubblicato su Facebook in cui annuncia di essere ricoverato in ospedale, pronto a sottoporsi a un delicato intervento al cuore nella mattinata del 20 gennaio.

Si tratta di una malattia congenita (leggasi difetto di fabbrica) che purtroppo è degenerativa.. – spiega il dj e produttore musicale mostrandosi sorrirente dal letto d’ospedale in cui si trova -, ho avuto una vita normale finora, come potete vedere dalle tante foto in cui faccio ogni tipo di sport, ma i medici che ormai da anni mi seguono mi hanno detto che ho raggiunto uno stadio in cui se non mi opero andrò incontro a complicazioni…e a noi non piacciono le complicazioni vero? Quindi eccomi qua nel mio improbabile pigiama e domani mattina me ne vado sotto i ferri per fare questo tagliando importante, e poi approfitterò di questo periodo di ‘stop’ forzato dai concerti per rimettermi in forze e tornare più carico che mai!! Fatemi gli auguri e mandate tanta energia positiva ci sentiamo presto!”, conclude Gabry Ponte. Tantissimi i messaggi d’affetto e di in bocca al lupo da parte dei suoi fan.

Ciao???? devo dirvi una cosa.. Sto per affrontare un’operazione un po’ complicata per cercare di risolvere un problemino…

Pubblicato da Gabry Ponte su Martedì 19 gennaio 2021

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La pagina Facebook “Le più belle frasi di Osho” non è più disponibile: è stata oscurata?

next
Articolo Successivo

L’Antitrust multa TicketOne: oltre 10 milioni euro per abuso di posizione dominante. Il gruppo annuncia ricorso al Tar

next