Ethan Hawke interpreterà il “cattivo” in Moon Knight della Marvel. Variety ne è sicura. Hawke, 50 anni appena compiuti, uno dei volti più significativi della Hollywood più engagé, attore, regista e produttore, ha scelto, come dire, di fare un salto carpiato nella già propria ricca carriera. Sarà infatti il “villain” della serie tv targata MCU-Disney+. Ed è la prima volta che Hawke, tenero ma infine risoluto Todd Anderson ne L’attimo fuggente, reverendo inquieto in First Reformed, riottoso maggiore dell’aeronautica in Good Kill, amante dolce improvvisato in Prima dell’alba, Prima del tramonto, Prima di Mezzanotte, diventerà la controparte negativa del protagonista in un cast, oltretutto estremamente commerciale come quello di una serie tv MCU-Disney. Nulla di grave, anzi. Però il passaggio è evidente.

Direttamente sul sito della Marvel troviamo alcune anticipazioni sulla serie. Tra cui il suo protagonista: Oscar Isaac che vestirà i molteplici panni di Marc Spector/Moon Knight. Personaggio di una striscia Marvel del 1975 comunque ambiguo, ex mercenario, agente della Cia che mentre sta per trafugare un tesoro egizio vede la morte in faccia e per salvarsi sigilla un patto con il dio lunare egiziano Khonshu che gli offre la possibilità di sopravvivere in cambio di diventare il suo avatar sulla Terra. Assieme a Hawke e Isaac ci sarà May Calamawy, protagonista di Ramy, una serie tv tutta egiziana ma ambientata nel New Jersey. Hawke lo abbiamo appena visto su Sky nella serie antirazzista The good lord bird dove interpreta il leader abolizionista John Brown. Serie che Hawke ha ideato, scritto e prodotto. La versatilità di Hawke nelle diverse fasi ben oltre la frontalità dell’obiettivo della macchina da presa si sostanzia in tante piccole, misconosciute perle di grande cinema come il film Blaze, biopic del 2018 sulla vita del musicista country Blaze Foley.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Il silenzio degli innocenti 30 anni dopo, Anthony Hopkins e Jodie Foster raccontano quel “set inquietante” tra emozioni e ricordi

next