“In questo momento mi trovo in una situazione di estrema indigenza” e per lavorare “accetterei qualsiasi proposta”. È lo sfogo di Shalpy, all’anagrafe Giovanni Scialpi, cantante e personaggio dello spettacolo che, come molti altri nel suo campo, è stato duramente colpito dalla crisi causata dal Covid19. Il cantante ha raccontato la sua situazione a Rolling Stone, rivelando una situazione di grande difficoltà economica, “come il 90% della gente che fa questo mestiere”. “Faccio parte di una fetta di persone che non è calcolata né dallo Stato, né dall’immaginario collettivo – spiega – Si ha l’idea che l’artista campi d’aria”.

“Non si capisce la concretezza e l’imprenditoria che sta dietro al sistema”, osserva ancora Shalpy che sottolinea di essere rimasto deluso dall’Italia “che non esalta chi ha valore”. La rabbia, però, non fa più parte di lui, dice. “L’ho messa da parte”. “Potrei vantarmi e dire che la mia canzone è andata in Grecia, a Glasgow e a Berlino, ma devo anche mangiare”, si lamenta la pop star, che conobbe il momento di maggior successo negli anni Ottanta, con pezzi come ‘Rocking Rolling‘ (1983). Oggi si dice pronto a qualsiasi lavoro. “Sarei anche disposto a fare il cameriere o qualsiasi altra cosa mi venisse proposta. Io sono molte cose, posso affrontare tanti ambiti lavorativi – conclude – Sto portando alla ribalta la mia storia, ma non sono il solo. E mi dispiace leggere i commenti dei leoni da tastiera che mi lasciano messaggi gratuiti. Io sto facendo un appello“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente sul K2, morto l’alpinista Sergi Mingote: precipitato mentre era impegnato nella discesa

next
Articolo Successivo

Giuseppe Tornatore firma gli spot per la campagna sull’uso del vaccino Covid. L’annuncio a Domenica In: “Me l’ha chiesto Arcuri” – Video

next