A luglio 2019 fa la maggior parte degli utenti hanno dovuto dire “addio” ai mi piace visibili sui profili Instagram. Ma oggi, a distanza di un anno e mezzo, tutto potrebbe di nuovo cambiare. La piattaforma, almeno secondo il leaker italiano Alessandro Paluzzi, che ha svelato la novità sul suo profilo Twitter, sembrerebbe aver deciso di fare un passo indietro, dando però agli utenti la possibilità di scegliere se mostrare o no il numero di cuoricini.

L’idea dietro alla scelta iniziale era quella di permettere agli utenti di vivere la piattaforma in maniera più “spensierata” e soprattutto dare risalto al contenuto piuttosto che ai cuoricini. Un ritorno alla “logica del like”? Ancora non è dato sapere, visto che al momento si tratta solo di un’indiscrezione. Ma, almeno sulla carta, non sembrerebbe essere così. Potendo scegliere infatti se mostrare o meno i nomi di chi ha lasciato un cuoricino, ogni persona, in autonomia, sceglierà se seguire la “logica dei like” o quella “del contenuto”.

Gli screenshot in anteprima di Paluzzi mostrano il sistema: “Instagram sta lavorando su un’opzione per nascondere il conteggio dei like nei post”. E si potrà “scegliere” se nascondere o meno il post, direttamente in fase di creazione, tra le opzioni avanzate, spiega il leakder.

Per la verità, comunque, nonostante il cambio del 2019 fosse “obbligatorio” per tutti accedendo alla piattaforma tramite applicazione, molti utenti non hanno mai perso la possibilità di vedere i nomi di chi metteva like ai post. Per tutte le novità, in ogni caso, bisognerà ancora attendere: non c’è una data certa per il nuovo cambio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Chiofalo a Istanbul per un “ritocchino”: “Cambierò evidentemente i connotati del mio viso, ma non sarò un Ken umano”

next
Articolo Successivo

Lo strano “ragionamento” di Eleonora Brigliadori: “Covid? È un progetto transumanista, diventeremo pile per l’intelligenza artificiale”

next