In una settimana 229 nuovi positivi trovati e 833 persone in quarantena: sono i numeri del Covid nelle scuole in lingua tedesca dell’Alto Adige, dove la Giunta provinciale ha deciso di confermare il ritorno alla didattica in presenza almeno al 50% per gli studenti delle scuole superiori già a partire dal 7 gennaio. I dati, comunicati dalla Direzione istruzione e formazione tedesca, si riferiscono ai giorni dal 4 e all’11 gennaio e comprendono docenti, personale non insegnante, nonché bambini e ragazzi dalla scuola dell’infanzia alle scuole superiori. Proprio quest’ultime registrano il maggior numero di nuovi casi: 65 (15 insegnanti, 49 studenti, 1 personale non docente), a cui si aggiungono altri 46 contagi alla formazione professionale (12 insegnanti, 32 studenti, 2 personale non docente). I dati non riguardano focolai o contagi avvenuti in classe o negli istituti, ma servono a tracciare il contagio nella popolazione scolastica. Non è quindi possibile sapere se gli alunni e i docenti si siano contagiati nelle aule oppure fuori, magari anche nei giorni precedenti al ritorno tra i banchi.

Certamente, invece, tra studenti e docenti di madrelingua tedeschi ci sono almeno 229 positivi e 833 persone in quarantena. Altri 8 casi sono stati riscontrati nella stessa settimana nelle scuole in lingua ladina. Nelle scuole dell’infanzia le infezioni da coronavirus sono state 25, 18 delle quali hanno colpito il personale pedagogico, una il personale non insegnante e sei i bambini. Nelle scuole elementari i positivi sono stati 60 (23 insegnanti, 34 alunni, 3 personale non docente), alle scuole medie sono state rilevate 33 nuove infezioni (10 professori, 21 studenti e 2 personale non docente). Infine, le persone sottoposte a quarantena preventiva sono state 156 nelle scuole dell’infanzia, 193 nelle scuole elementari, 196 nelle scuole medie, 202 nelle scuole superiori e 86 nella formazione professionale.

Per fare un confronto, bisogna tornare alla settimana prima di Natale, quella tra il 14 e il 19 dicembre. In quel momento per le scuole superiori era in vigore la didattica a distanza al 100 per cento. La Direzione istruzione e formazione tedesca aveva comunicato 83 positività registrate e 586 quarantene disposte. I casi nelle scuole dell’infanzia erano sostanzialmente gli stessi di oggi (23), alle scuole elementari erano 22 e alle medie 17. I contagiati tra docenti e ragazzi delle scuole superiori erano appena 7 (2 insegnanti e 5 studenti), mentre nella formazione professionale i casi erano 14.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Concorso presidi, il Consiglio di Stato respinge i ricorsi: confermati i 3mila vincitori del 2017. In graduatoria c’è anche Azzolina

next