A Milano le iscrizioni al liceo “Manzoni” del civico polo scolastico (istituto paritario) sono fatte con il sorteggio. Sul sito della scuola, dopo una giornata di estrazioni con i bussolotti in diretta YouTube, sono apparsi i nominativi dei 200 fortunati che potranno iscriversi al linguistico. La scelta sostenuta dall’assessore all’Istruzione Laura Galimberti e approvata dal Consiglio d’istituto è stata presa per trovare una soluzione di fronte ai 700 ragazzi aspiranti. Quest’anno, vista la pandemia, non è stato possibile effettuare il consueto test d’ingresso che scremava il numero degli alunni.

Un problema che la dirigente Maria Bernadette Rossi si è posta e che è stato districato optando per il criterio più oggettivo: l’estrazione di tutti i pre-iscritti. Venerdì, alla presenza della preside, della presidente del Consiglio d’Istituto, dei rappresentanti degli studenti e di uno dei docenti, in diretta online, la sorte ha fatto la sua parte. Dai bussolotti, trasparenti come quelli delle lotterie, sono stati estratti i bigliettini bianchi con i nomi e i cognomi dei ragazzi che potranno iscriversi al “Manzoni”.

L’operazione è durata quattro ore e si è svolta con la massima trasparenza. A spiegare come si è arrivati a questa decisione è Galimberti: “C’è stato un motivo tecnico e uno di metodo. Da una parte non potevamo predisporre un locale per fare questi test, in presenza del coronavirus; dall’altra trovo che quest’anno la selezione attraverso i quesiti sarebbe stata ingiusta nei confronti dei ragazzi delle medie che in regime di didattica a distanza non hanno avuto tutti le stesse opportunità. Quello scelto è stato il criterio più oggettivo e democratico possibile”.

L’assessore respinge qualsiasi idea diversa: “Scegliere gli studenti in base a dove abitano crea una discriminazione geografica e così anche individuarli attraverso i voti è assurdo. La meritocrazia proprio quest’anno non è un buon metodo”.

Laura Galimberti sa che magari la dea fortuna ha scelto un ragazzo che non avrebbe mai passato il test ma è convinta che nel corso dell’anno scolastico questi alunni potranno avere l’opportunità di recuperare. A contrastare il metodo usato è invece Luca Mengoni, rappresentante degli studenti. Nonostante in consiglio d’istituto abbia votato a favore dell’estrazione a sorte ora sul quotidiano “Il Giorno” ha dichiarato: “Noi non eravamo d’accordo con la volontà di procedere al sorteggio. Il Comune avrebbe potuto fare molto di più mettendo a disposizione degli spazi per poter svolgere il test in modo scaglionato e sicuro”. Pronta la risposta dell’assessore milanese al fatto.it: “Di là dell’incoerenza di votare a favore in consiglio d’istituto e di dire il contrario alla stampa, non potevamo predisporre decine di siti perché serve chi si occupa di pulire, di sorvegliare. E poi non dimentichiamo che l’estrazione ha permesso anche a chi non ha potuto avere un’istruzione di qualità a causa della connessione o di altro, di poter accedere a questa nostra scuola”.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuole, gli studenti chiedono di tornare in presenza ma c’è il nodo trasporti: “Impossibile il 50% di capienza”. Pediatri: “Istituti sicuri”

next
Articolo Successivo

Educazione civica, una materia vuota

next