La corsa di Tesla a Wall Street ha gonfiato il patrimonio personale del fondatore Elon Musk. Che è arrivato a superare il patron di Amazon Jeff Bezos diventando l’uomo più ricco al mondo. Stando al Bloomberg Billionaires Index, nel corso della seduta del 7 gennaio Musk ha raggiunto quota 195 miliardi di dollari mentre Bezos si è fermato a 185. L’imprenditore sudafricano, sottolinea Bloomberg, in quanto numero uno di SpaceX è anche concorrente di Bezos (con la sua Blue Origin) nel settore dei voli spaziali privati.

Il “sorpasso” di Musk è il culmine di un anno di fortissima crescita per Tesla, le cui azioni hanno registrato uno stratosferico +743%. La valutazione dell’azienda è “fuori scala” rispetto a quella dei produttori di auto tradizionali: in un anno Tesla ha prodotto solo mezzo milione di automobili elettriche, a fronte delle centinaia di milioni di veicoli che escono per esempio dagli stabilimenti statunitensi di Ford e General Motors. Nell’anno del boom è andata però avanti a rilento la realizzazione della Gigafactory 4 di Tesla che dovrebbe sorgere vicino a Berlino: i lavori si sono dovuti fermare più volte causa proteste dei gruppi ambientalisti e problemi burocratici.

Dietro Bezos e Musk nella classifica di Bloomberg ci sono Bill Gates con 132 miliardi di dollari, Bernard Arnault (patron di Lvmh) con 114 miliardi, Mark Zuckerberg a 99,9 miliardi e il presidente di Nongfu Spring Zhong Shanshan, che ha scavalcato Jack Ma la cui Alibaba è crollata in borsa dopo la stretta delle autorità cinesi. Seguono Warren Buffett, Larry Page e Sergey Brin. Il primo italiano è Leonardo del Vecchio, al sessantesimo posto con 25,2 miliardi.
articolo aggiornato alle 7:45 dell’8 gennaio

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inglesi favorevoli ad un prelievo sulle grandi ricchezze per combattere il Covid. Brumby (banca mondiale): “Ora o mai più”

next
Articolo Successivo

Recovery plan, salgono a 19,7 miliardi i fondi per la sanità. Per turismo e cultura +5 miliardi, per le infrastrutture +4, per il lavoro +10. Ecco da dove sono state spostate le risorse

next