di Claudio Fantuzzi

Ho letto degli effetti collaterali comunicati riguardanti la sperimentazione del vaccino anti Covid: giramenti di testa, dolori al braccio in cui è stata fatta l’iniezione con rigidità del petto, rigonfiamento delle ghiandole linfatiche, ‘pesantezza’ nella deambulazione dovuta a intorpidimento articolare diffuso: il tutto per due-tre giorni. Né più né meno di quanto io ricordi circa quello della naja, se non che allora si vedevano svenire aitanti ‘marmittoni’ ogni tre di noi, più per l’impressione che per altro – dicevano il tenente medico e l’erculeo infermiere, quest’ultimo più attento che lo svenuto non si fosse fatto male che nel tranquillizzare noi altri, che comunque di lì a poco avremmo forse seguito la stessa sorte.

Era una vaccinazione da elefante di una vita fa, ma di aitante gioventù e quindi sopportata quasi fosse una battuta. ‘Copriva’ tutto quella siringona – ci anticipavano ridendo i caporali già passati, chissà, magari svenuti anche loro prima del ‘baffo’ (si chiamava così la ‘v’ sulla manica del giubbino che segnava l’avvenuto passaggio al primo ‘comando’).

Di fatto così era: “a largo spettro”: ricordo infatti solo un caso di meningite, non fatale per fortuna, al reggimento, e il perdurante acre odore delle seguenti continue disinfestazioni delle camerate (era inverno, ci avevano fornito ulteriori coperte ché alcune finestre dovevano rimanere aperte o quasi anche la notte: parlo di più di 50 anni fa, quando nelle caserme la ‘sala celtica’ era stata finalmente adibita a bar con nutrite scorte di brandy Vecchia Romagna al posto di quelle consistenti di permanganato di potassio; i preservativi erano stati perfezionati, si vede, e certe prassi dei tempi di guerra e qualche anno seguente così entrate a far parte della ‘storia’ militare).

Ora vedo in tv tutto un altro film in quella circostanza: siringhe monouso, aghi quasi invisibili, cura dell’operatore nel ‘pungere’, collaborazione compiaciuta da parte del ‘punturato’ (siamo in tv…), e maschere e mise dai colori azzurri a vestire l’algido intorno, quasi fosse un gioco. O un film appunto. E nessuno che sviene. Una meraviglia se ripenso a quelle ‘inondazioni’ di tintura di iodio in quella caserma dei miei anni giovanili.

Non è invece un film purtroppo, a parte la scenografia da serie tv, ma un’operazione di speranzosa fiducia in questo vaccino ‘moderno’ per cercare di mettere almeno una pezza a una situazione prevista da tempo ma non presa in considerazione da certa scellerata politica (che andrebbe severamente punita, e non solo nel nostro paese).

A me toccherà fra qualche mese, perché non sono fra i più fragili, anche se nel gruppo per età fra i più passibili di ‘exitus’: aspetterò, se sarò ancora su questa terra, se non altro avendo acquisito qualche – eventuale? – confortante evidenza sull’effettiva utilità di questo vaccino moderno (ah, devo specificare che da quella vaccinazione da elefante sono uscito brillantemente per i successivi 54 anni). Quindi se necessario farò anche questa, ‘film’ o meno. Chissà mai che mi permetta qualche bel tramonto per qualche anno ancora, ché poi, francamente, preoccuparsi quando le primavere e i tramonti sono già tanti non è di alcuna utilità…

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flavio Insinna, guai a dire che si è contrari alla caccia

next
Articolo Successivo

Il 2020 se ne va tra le maledizioni generali. Io penso che invece dovremmo ringraziarlo

next