È morta di Covid a 33 anni, pochi giorni dopo aver dato alla luce sua figlia, che non ha potuto conoscere. È la storia di Vanessa Cardenas Gonzalez, una delle tante, troppe, vittime dell’epidemia di coronavirus: la donna, originaria di Whittier, in California, ha scoperto di essere positiva al covid quando ormai era agli sgoccioli della gravidanza ma è riuscita a portarla a termine dando alla luce Heaven, la sua terzogenita.

Dopo il parto, i medici hanno giudicato buone le sue condizioni di salute e così l’hanno mandata a casa, con l’obbligo di stare in isolamento e non avere contatti con la neonata, per evitare il rischio di contagiarla. Improvvisamente però, Vanessa si è aggravata ed è morta 48 ore dopo il parto a causa di un arresto cardiaco, come riferisce il Mirror. “Non può succedere. Mi dispiace, lei era a pezzi. Non doveva essere separata dalla sua bambina“, ha detto il marito Alfonso a Fox News. Ora toccherà a lui crescere da solo i loro tre figli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il copilota sviene mentre è ai comandi: volo della British Airways costretto all’atterraggio di emergenza

next