Le feste sono alle porte anche in questo anno particolare e nefasto, dove tra mille restrizioni e la paura del virus non vivremo di certo i tradizionali giorni di festa a cui siamo abituati, quelli con 30 parenti a pranzo e cena; bensì in forma molto più ristretta.

Se l’equazione ‘meno invitati, meno cibo’ è ancora tutta da verificare ma plausibile, di contro, tranne rarissime eccezioni lungo il territorio nazionale, le palestre saranno chiuse e quindi niente scarico dei sensi di colpa post-abbuffate macinando chilometri sul tapis roulant.

Ecco che allora “prevenire è meglio che curare”: vi do quindi qualche consiglio per non far lievitare pancia e bilancia durante il periodo delle feste rimanendo in forma.

Rimanere attivi con amici e famiglia

Rimanere seduti a tavola per molto tempo o sul divano a guardare la tv in totale relax sono consuetudini durante le feste. La sedentarietà non è l’unica ma è una delle principali cause dell’aumento di peso. Per questo motivo sarebbe meglio rimanere attivi con qualche camminata o esercizio da fare a casa o nella propria camera. Ormai Youtube e Instagram sono fonte inesauribile di workout per tutti i gusti, età e livello di difficoltà.

Attenzione agli snack

Mangiare solo quando si ha fame e non perché c’è del cibo sul tavolo. Facile dirlo, difficile farlo. Biscotti, torroni e dolci vari hanno il peggior rapporto tra calorie introdotte e senso di sazietà.

Limitare le calorie liquide

Altra trappola per la nostra linea ancor più sottile della precedente sono le bevande zuccherate, quelle alcoliche e i liquori. Sempre presenti sulle nostre tavole, sono piene di zucchero, ma non ci saziano. Conosciute anche con il nome di “calorie invisibili“, innescano nel nostro corpo uno sbilanciamento degli zuccheri nel sangue che ci fa sentire più affamati e soprattutto in perpetua ricerca di altri zuccheri. Un circolo vizioso pericoloso e difficile da interrompere.

Condividere un piatto sano

La povera insalata, tutti la guardano ma quasi nessuno la tocca. Dalla cucina alla tavola e, intonsa, dalla tavola alla cucina nel viaggio di ritorno. Le verdure sono fondamentali perché contengono molta acqua e molte fibre, entrambe nostre alleate nel farci sentire sazi in poco tempo. Hanno il miglior rapporto tra calorie introdotte, poche, e senso di sazietà.

Evitare il bis

Forse il compito più arduo. Siamo un popolo che ama la cucina ed è davvero difficile fermarsi di fronte alle specialità dei vari parenti. Il dogma qui è uno solo: assaggiare di tutto un po’. Riempirsi il piatto due-tre volte della stessa pietanza è il modo più veloce per guadagnare peso.

Il digiuno intermittente può essere un’opzione?

Il digiuno intermittente è una pratica molto diffusa nei tempi recenti soprattutto nello star system americano. Digiunare per gran parte della giornata e concentrare l’unico pasto in una finestra di poche ore ha i suoi vantaggi, ma attenzione: il corpo deve avere il tempo di abituarsi al digiuno intermittente e quindi adattarsi.

I primi giorni sono difficili perché si ha una gran fame. Se usate già questa strategia, è sicuramente un’arma in più per affrontare i pasti pesanti, se lo volete provare per la prima volta in concomitanza con il Natale e le feste potrebbe essere una pericolosa arma a doppio taglio. Rischierete di arrivare con una fame da lupi a tavola, mangiare con troppa foga e non fermarvi più. Altro che bis.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“Noi, tre medici americani in pensione, vogliamo trasferirci in un borgo in Calabria e curare gratis gli anziani”

next