“Anziché lamentarci di quello che la pandemia ci impedisce di fare, facciamo qualcosa per chi ha di meno”. È questo l’invito di Papa Francesco ai fedeli per vivere al meglio il tempo del Natale, anche durante la pandemia da Covid-19. Il momento è difficile e le feste saranno diverse da tutti gli altri anni, ma “questa ‘occasione’ non si trasformi in un continuo lamento“, è il monito che il pontefice ha enunciato dalla finestra su piazza San Pietro. No alle feste fatte di solo shopping e cenoni: “Il consumismo ci ha sequestrato il Natale”, ha detto il Papa, invitando i fedeli a fare qualcosa di concreto per i bisognosi a cui nessuno pensa.

Questo periodo “sia occasione di rinnovamento interiore, di preghiera, di conversione, di fare passi avanti nella fede e fraternità tra di noi”, aggiunge poi il Pontefice. L’invito è a guardarsi intorno, a rivolgere lo sguardo a coloro che sono nell’indigenza: “Il fratello che soffre ci appartiene, dovunque si trovi, è Gesù nella mangiatoia. Il Natale sia un avvicinarsi a Gesù, in quel fratello e in quella sorella”.

Aiutare il prossimo diventa il modo migliore per celebrare la festa del Natale. Il pensiero del Papa va anche alla Giornata internazionale della solidarietà, che si celebra proprio oggi 20 dicembre, e alla quale Papa Francesco dedica un tweet: “La solidarietà – scrive su Twitter – si esprime concretamente nel servizio, che può assumere forme molto diverse nel modo di farsi carico degli altri. Servire significa avere cura di coloro che sono fragili nelle nostre famiglie, nella nostra società, nel nostro popolo”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli sciacalli del Covid non si fermano. Anziano muore all’ospedale San Camillo di Roma, gli rubano la fede e perfino vestiti e occhiali

next
Articolo Successivo

Variante Covid, Galli a La7: “Non è più ‘cattiva’, si diffonde più velocemente. Probabile che sia già oltremanica, primi report di fine settembre”

next