Lunghe code serpeggiano nel porto di Dover, sulla costa meridionale dell’Inghilterra, con camion che si muovono a passo d’uomo per miglia. Con la fine della transizione alla Brexit il prossimo 31 dicembre, che si avvicina senza garanzia di un accordo, molte aziende stanno accumulando scorte. In particolare quelle coinvolte nella produzione industriale e alimentare, causando interruzioni nei porti e file lungo la M20.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, il Covid non ferma il quartiere che ogni anno si trasforma in “villaggio di Natale” – Video

next
Articolo Successivo

Covid, Italia terza al mondo per numero di morti rispetto alla popolazione: Belgio primo, Perù secondo

next