Vasco Rossi ha ricevuto il Nettuno d’Oro, il massimo riconoscimento conferito dal Comune di Bologna, dal sindaco Virginio Merola, in una cerimonia a Palazzo d’Accursio. Il rocker di Zocca, 68 anni, ha legato gran parte della sua storia professionale a Bologna fin dagli anni giovanili. “Finalmente abbiamo chiuso un cerchio, sappiamo tutti che Vasco ha studiato qui, ha vissuto qui, ha suonato qui”, ha commentato Merola, sottolineando anche i trascorsi comuni. “Io ero a Radio Città, tu direttore di Punto Radio“. Botta e risposta, con ironia, quando l’assessore alla cultura Matteo Lepore, leggendo la motivazione della consegna del Nettuno d’Oro, ne ha ricordato le origini modenesi: “Nessuno è perfetto”, ha detto Merola. “Bolognesi si nasce, ma non si diventa – ha replicato Vasco – è più facile diventare cittadini americani che bolognesi. Se sposi un’americana diventi americano, se sposi una bolognese non ancora”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

VASCO MONDIALE

di Michele Monina e Vasco Rossi 14€ Acquista
Articolo Precedente

Zucchero a FQMagazine: “Grave come ci considera il Governo. Io aiuto chi lavora per me. È l’unico modo per sapere a chi vanno i soldi”

next
Articolo Successivo

‘Museca’, la pelle dei Tamburi del Vesuvio è tornata a vibrare

next