“La cosa difficile da raccontare a chi è qui è una vita fatta di vuoto”. In occasione della presentazione del quarto volume di Donne sul fronte, l’autrice Francesca Mannocchi – reporter dalle cruciali zone di conflitto – racconta quale sia la vita dei bambini nei campi profughi siriani: una vita in cui mancano giochi, istruzioni, prospettiva, calore.
Se chiudo gli occhi. La guerra in Siria dai racconti dei bambini.
Scritto da Francesca Mannocchi con i disegni di Diala Brisly
In edicola con Il Fatto Quotidiano. Scopri la collana di PaperFirst “Donne sul fronte”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Time cancella il 2020: “Peggior anno di sempre, maggior parte di noi non ha visto la Grande guerra o l’epidemia di spagnola”

next
Articolo Successivo

Ho letto ‘Bugiardi senza gloria’: corruzione e falsità messe a nudo nel nuovo libro di Travaglio

next