Iva Zanicchi, guarita dal covid-19, è stata ospite di Silvia Toffanin a Verissimo. Perché a differenza sua e di sua sorella, che hanno superato il terribile virus, suo fratello Antonio non ce l’ha fatta. E il racconto di Iva, così simile a quello che potrebbero fare tante famiglie, è stato straziante: “Lui era molto ligio, portava la mascherina giorno e notte, anche in casa. Ma non è servito. È stata una cosa repentina: si è ammalato, aggravato ed è morto in 8 giorni. Stava benino quando è entrato in ospedale ma in 12 ore è precipitato tutto”.

Iva non riuscita a trattenere il dolore, e tra le lacrime ha continuato: “Mi hanno chiamata dicendomi che stava soffrendo molto e chiedendomi se potavano sedarlo. Io non volevo che soffrisse ma non avevo idea che lo sedassero per accompagnarlo alla morte… Ero un po’ una mamma per lui. Ho chiesto di andare lì ma non è stato possibile. L’ho salutato con una videochiamata. Non voleva farsi vedere così dai suoi figli, non ha voluto parlarci, ha preferito parlare con me… Non l’abbiamo più visto, neanche dopo morto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilaria Capua perde la pazienza: “No al tampone rapido prima di Natale: non bisogna muoversi, niente scorciatoie”

next
Articolo Successivo

Le scarpe più costose del mondo? Sono delle sneakers con parti in porcellana che andranno all’asta da Sotheby’s per un milione di dollari

next