La prima puntata de Il Silenzio dell’Acqua 2 aveva debuttato venerdì scorso con risultato deludente: 2.603.000 spettatori pari all’11.13% di share. Numeri ritenuti insufficienti da Mediaset anche perché lontani da quelli del Grande Fratello Vip, che pure gode di una durata differente che favorisce lo share. A Cologno Monzese hanno dunque scelto di spostare la fiction con Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti al mercoledì, con un ritorno del reality al venerdì e uno spostamento di All Together Now al sabato sera, ma il risultato si è rivelato addirittura peggiore.

La seconda puntata è crollata a 2 milioni di telespettatori con il 9,4% di share, con la messa in onda in una serata televisivamente più semplice. Un dato che conferma la crisi del genere fiction a Mediaset con l’aggiunta di una programmazione poco adatta e con una promozione non particolarmente efficace. Il cambio di programmazione non sembra aver convinto nemmeno i due protagonisti della serie: “Chi è stato? Aspetto voi per risolvere il caso. Stasera (ieri, ndr) su Canale 5 alle 21.40 ‘Il Silenzio dell’Acqua 2’, il ‘GfVip’ ed anche ‘All Together Now‘”, ha scritto su Instragram la Angiolini.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ambra Angiolini (@ambraofficial)

Un riferimento alla programmazione anche da Giorgio Pasotti che ha rilanciato il commento di un fan: “Dear Piersilvio, sappi che anche se Il Silenzio dell’Acqua me lo sposti alle sei di domenica mattina io me lo vedo lo uguale. Ciao e discreta serata”. Commento a cui l’attore ha aggiunto questa frase: “Tweet vincitore!!”. Non solo, il cinguettio di Pasotti è staro retwittato dall’account ufficiale Fiction Mediaset. Insomma il malcontento è visibile, i risultati pure. La programmazione cambierà ancora?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, la confessione hot di Giulia Salemi: “Non ho mai provato il ‘vero piacere’. Con gli uomini ho sempre finto”

next
Articolo Successivo

L’Eredità, il super campione Massimo Cannoletta sbaglia apposta una domanda e perde 180mila euro: ecco perché l’ha fatto

next